IL BLOG di Arkys

Facebook Pixel: cos’è, come funziona e come si usa

18 Set 2018
Facebook-Pixel--come-funziona-e-come-si-usa

Conosci il Facebook Pixel? Con questa semplice guida vorrei incuriosirti affinché possa darti lo spunto per un maggiore approfondimento.

 

Il 12 gennaio Mark Zuckerberg in un suo post su Facebook scriveva che il colosso dei social media avrebbe modificato ancora una volta l’algoritmo per offrire agli utenti maggiori opportunità per interagire con i propri amici, familiari e gruppi, che era poi lo scopo originale di Facebook, e meno con le aziende, abbassando la loro portata organica.

Pensare quindi di fare business sfruttando la visibilità gratuita dei post organici diventa strategicamente azzardato. Ci si dovrà concentrare nel medio e lungo periodo su quelle strategie e attività che vanno verso la creazione di Gruppi Facebook e la condivisione di video live. Mentre per avere invece risultati migliori e più rapidi sarà necessario aumentare il budget da destinare periodicamente alle attività di Facebook ADS.

 

Rimane sempre fondamentale condividere contenuti pertinenti e rilevanti!

 

A questo punto è prioritario ottimizzare al meglio l’uso degli strumenti di social advertising che la piattaforma di Facebook ADS mette a disposizione. Uno di questi è il pixel di monitoraggio di Facebook.

Cos'è un pixel di monitoraggio di Facebook?

Il pixel di Facebook è una porzione di codice che inserisci nel back-end del tuo sito web per tracciare i suoi visitatori. Il pixel ti consente di eseguire campagne altamente mirate quindi è importante installare il pixel prima di pubblicare inserzioni su Facebook. Quando qualcuno naviga e clicca sul tuo sito web e intraprende un’azione, generando un evento come ad esempio completamento di un acquisto, il tuo pixel di Facebook si innescherà e segnalerà l’azione nel gestore di annunci Facebook. Ciò ti consente di vedere se hanno completato l’azione desiderata dell’annuncio come l’acquisto di un prodotto o la compilazione di una pagina di destinazione.

Codice Facebook Pixel

Quali azioni può seguire il tracciamento del Facebook Pixel?

Dicevamo quindi che quando qualcuno fa un’azione sul tuo sito Web, dopo aver fatto clic su un annuncio, il tuo pixel di Facebook lo registra come un evento.
Facebook fino a qualche settimana fa ne poteva tracciare 9:

  • Visualizza contenuto – Monitora le visualizzazioni chiave delle pagine (articolo, pagina di destinazione, pagina prodotto)>
  • Cerca – Monitora le ricerche sul tuo sito web (ricerche di prodotti)
  • Aggiungi al carrello – Monitora quando gli articoli vengono aggiunti al carrello
  • Aggiungi alla lista desideri – Monitora quando gli articoli vengono aggiunti alla lista desideri.
  • Inizia pagamento – Tieni traccia quando le persone entrano nel tuo flusso di pagamento.
  • Aggiungi informazioni di pagamento: tieni traccia quando le persone aggiungono le informazioni di pagamento durante il flusso di pagamento.
  • Effettua acquisti – Monitoragli acquisti o i completamenti del flusso di checkout (atterrando sulla pagina di conferma dell’acquisto).
  • Generazione Contatti – Monitora quando qualcuno diventa un lead (invio del modulo, iscriviti per il processo).
  • Registrazione completa: traccia quando qualcuno completa un modulo di registrazione (iscrizione completa, registrazione per un servizio).

Per tracciare eventi non previsti tra le opzioni standard di Facebook, l’unica soluzione possibile fino a oggi è stata quella di utilizzare le conversioni personalizzate ma ci sono dei limiti, ad esempio l’impossibilità di dar loro un valore economico dinamico e il fatto che non se ne possono creare più di 100. Inoltre teniamo presente che spesso possono fornire risultati errati rispetto agli eventi standard.

Ma anche in questo caso il team di sviluppo di Facebook ha lavorato per noi (che benefattori eh?!?).

Proprio qualche giorno fa Facebook ha annunciato l’introduzione di nuovi eventi, tra i quali:

  • Contact: l’avvio di una conversazione tra una persona e il tuo brand.
  • Customize Product: la personalizzazione di un prodotto su un sito ecommerce.
  • Donate: ideale per le ONG, scatta quando l’utente fa una donazione alla tua organizzazione.
  • Find Location: l’utente cerca la location più vicina a sé sul tuo sito o app, attraverso uno store locator.
  • Schedule: la prenotazione di un appuntamento, come avviene in tanti business locali.
  • Start Trial: l’inizio del periodo di prova offerto da tanti strumenti e software.
  • Submit Application: l’invio di un curriculum per un’offerta di lavoro, ma genericamente anche l’invio di qualsiasi domanda da parte dell’utente.
  • Subscribe: l’iscrizione ad un servizio a pagamento; per esempio l’abbonamento di Netflix.

Facebook allarga quindi le azioni tracciabili dal pixel e grazie a questa novità, si potranno creare altrettanti nuovi pubblici personalizzati a cui indirizzare messaggi mirati e rendere più complesso ed efficiente il tuo funnel e le attività di Facebook remarketing.

Come creare il Pixel di Facebook.

Non preoccupati è un’operazione semplicissima!

Da Impostazioni del Business Manager del nostro “caro” Facebook Business Manager effettuiamo i seguenti passaggi:

Seleziona dal menù Origine dei Dati e successivamente Pixel

Facebook-Business-Manager-Pixel

Clicca su Aggiungi

Aggiungi-Facebook-Pixel

Inserisci il Nome del pixel (max 36 caratteri)

Nome-del-facebook-pixel

Configura il tuo Facebook Pixel

Configura-il-tuo-facebook-pixel

Per installare il Facebook pixel nel tuo sito web, hai quindi tre opzioni:

Opzione 1: Scegli la piattaforma Web con la quale hai realizzato il tuo sito web per installare il tuo pixel.

Installa-Facebook-Pixel-Opzione-1

Quindi, per esempio,  puoi installare rapidamente il tuo Facebook pixel su WordPress seguendo le istruzioni indicate da Facebook.

Opzione 2: installa manualmente il Facebook pixel.

Puoi installare il tuo pixel e controllare se funziona seguendo le istruzioni di Facebook qui sotto.

Installa-Codice-Facebook-Pixel-Manualmente

Opzione 3: invia le istruzioni per l’installazione dei pixel a uno dei tuoi sviluppatori.

Se non hai le competenze per installare il pixel le strade sono due o ti fai un corso di formazione o chiedi all’agenzia o al Web Developer che ha realizzato o effettua il servizio di manutenzione sul tuo sito web.

Una volta installato devi verificare il corretto funzionamento del Facebook Pixel ti consiglio di installare una preziosa e semplicissima estensione di Google Chrome chiamata Facebook Pixel Helper.

Una volta installata cliccando sull’icona dell’estensione potrai scoprire, sul tuo sito web (e di chiunque altro):

  • se è presente il Pixel di Facebook
  • se funziona correttamente o sono presenti degli errori
  • cosa viene esattamente tracciato su quella specifica pagina
Facebook-Pixel-Helper

Conclusioni

Ti ho convinto? Se non hai ancora installato il Facebook Pixel devi di farlo quanto prima, questo perché grazie ad esso potrai creare campagne di remarketing sui visitatori del tuo sito web che certamente rappresentano un pubblico ottimale. E non solo, potrai creare Pubblici Personalizzati, Pubblici Simili (Lookalike) e, ovviamente, ottimizzare le tue campagne per alcuni particolari eventi (come l’aggiunta al carrello o l’acquisizione contatto).

Installalo e poi dimmi cose ne pensi!

Pierfrancesco Rizzo

Arkys Co-Founder. CTO - Digital Marketing & IT Architect. Amante del Food & Beverage