Web Marketing locale: opportunità per i budget limitati

 
web-marketing-locale

Per un imprenditore locale, il Web Marketing è diventato complicato. Il pubblico è frammentato su centinaia di mezzi di comunicazione, applicazioni web e mobile, piattaforme web, motori di ricerca, social media; la tecnologia è in continua evoluzione e rimane fondamentale per le imprese di utilizzarla per rimanere competitivi online ancor prima che offline.

Le grandi aziende hanno le risorse per utilizzare ogni nuova innovazione e raggiungere il proprio target attraverso ogni canale disponibile, per un business locale, invece, è necessario semplificare le proprie strategie di Web marketing e Social Media Marketing, e soprattutto essere realisti sulle proprie capacità e sui propri limiti anche in termini di budget.

Per dare un nuovo impulso ai business locali e alle aziende che lavora su specifiche aree geografiche ecco quindi una serie di azioni e attività legate al Local Marketing attraverso cui aumentare i lead locali e convertire sul territorio.

La Local SEO

Banalmente (sperando che i guru della SEO non si risentano) fare Local SEO significa che ottimizzare un sito web per la ricerca web locale (o per gli anglofili web local search). l’obiettivo di questa tecnica di Search Engine Optimization è far sì che il sito web compaia nelle SERP locali, ovvero che una specifica quesry di ricerca consenta di restituire il vostro sito web per chi effettua una ricerca geolocalizzata. Ad esempio, web marketing Cosenza o parrucchiere Rende sono entrambe ricerche locali e restituiranno nelle SERP tutti quei siti web ottimizzati per Keywords geolocalizzate.

La SEO Locale dà quindi un posizione migliore nelle SERP, migliorando così la visibilità del sito web.

Noterete infatti che quando si consulta una SERP di Google hanno priorità i risultati locali. Quando si tratta di ricerca locale c’è meno concorrenza, perché si ha a che fare solo con i vostri concorrenti nella zona. Così è facile ottenere i risultati desiderati e arrivare a un pubblico mirato.

Un recente rapporto di Google rivela che l’88% degli utenti utilizza lo smartphone per le sue ricerche. Il 50% dei consumatori che ha condotto una ricerca locale sul proprio smartphone visita un negozio in quello stesso giorno, il 34% se ha cercato da computer/tablet. Le ricerche locali portano a più acquisti rispetto alle ricerche non locali. Il 18% delle ricerche locali su smartphone può portare ad un acquisto contro il 7% delle ricerche non locali.

La SEO locale ha un grande impatto per aumentare le vendite.

Facebook e le ADS targettizzate per area geografica

Non sempre le aziende hanno come primo pensiero i social network durante la costruzione di strategie di Marketing Locale, tranne che per la pubblicità su Facebook percepita come un modo economico e facile per pubblicizzare la propria attività verso il target di riferimento. Spesso le aziende ritengono infatti che affidarsi a una Web Agency per elaborare e mettere in atto una strategia di Marketing Locale sia un dispendio di soldi e tempo inutile, preferendo invece puntare soltanto sui canali social senza affidarsi a un esperto. Errore!

“Tanto poi su Facebook ci gioco io!”

Avere la percezione di poter rendere visibile il proprio business a più un miliardo di utenti e in modo immediato e “facile” fa spesso dimenticare la necessità di affidarsi a specialisti, consulenti o a una Web Agency. Da Milano a Cosenza la scelta è davvero ampia e ogni agenzia saprà consigliare il brand e l’azienda per raggiungere risultati ottimali nel minor tempo possibile e con investimenti ragionevoli, dirigendo gli annunci verso un pubblico locale pertinente con a monte una progettazione e la realizzazione di un piano e di un calendario editoriale.

Fare ADS su Facebook non è sponsorizzare post ad minchiam!

Local brand reputation

Le Recensioni stanno diventando il “must-have” nel 2016 per tutte le aziende che si concentrano sul marketing locale. Un’alta percentuale dei consumatori si fida delle recensioni online. I principali siti di recensioni – in particolare Yelp, TripAdvisor e altri – possono assicurare un valore aggiunto, ma vanno sempre controllate e gestite.

Anche se non si è online non è detto che non se ne parli.

E’ necessario mantenere le informazioni aggiornate e complete, essere sempre pronti ad affrontare le recensioni negative in modo sano e soprattutto contare fino a 30 prima di fare danni.

Inutile offrire regali per un’eccellente recensione, solo lavorando sodo sul miglioramento del prodotto/servizio si potrà costruire un ottimo percorso che porterà a recensioni migliori in futuro e alla crescita della brand reputation.

Ai consumatori piace vedere le aziende con le recensioni forti.

E tu cosa ne pensi? Sei d’accordo?

TAGS >