WeSeocialize: un e-caffè con Cinzia Di Martino, regina di Pinterest

 
weseocialize-arkys-interviste

Il mese scorso abbiamo in un nostro articolo evidenziato i 5 punti in cui, per molti aspetti, Pinterest è in realtà già avanti rispetto a Facebook e i motivi per il quale si potrebbero convogliare i budget del social media marketing.

Non potevamo quindi non inaugurare la nostra rubrica #weseocialize con la mitica Cinzia Di Martino, esperta di Visual ContentWeb e Social Media Marketing e autrice del blog cinziadimartino.it, ma soprattutto indiscussa guru di Pinterest.

 

Cinzia-Di-Martino

 

Pierfrancesco Rizzo

Dopo il primo caffè, come inizia la tua giornata? E come si evolve?

Cinzia Di Martino

Dopo la prima caffettiera (!!), c’è la fase alzati-lavati-vestiti-corri-velocecheètardi che per fortuna dura poco: breve ma intensa!

Dopo aver portato i pargoli a scuola, scambiato giusto due parole con le mamme/nonne/zie/maestre, mi chiudo in auto in un posto calmo e tranquillo, dove mi dedico a Pinterest (15’), poi a Shutterstock (10’) e a Canva (15’).
E sono pronta (quasi sempre) per pubblicare il mio buongiorno su Facebook e passo in rassegna il Feed (10’).
Quindi vado su Feedly (30’) per leggere gli ultimi articoli dei migliori e organizzarne la condivisione su Hootsuite o Buffer.

A questo punto, inizia il tour de force fino alla fine delle ore scolastiche: mi dedico ai vari progetti (siti, attività di blogging, preparazione di slide per corsi & co.) che la giornata prevede in scaletta. E nel frattempo email e telefono sempre a portata di mano!

Nel pomeriggio rallento un po’ perché ho da fare i compiti -_- e la sera cerco di terminare ciò che ho lasciato in sospeso e mi dedico alla lettura di articoli & co. provenienti da oltre oceano.

Alle tre (circa) leggo qualche pagina su Kindle (libri di motivazione, ispirazione, social media e specifici – d’oltre oceano) e poi dormo: ma solo fino alle sette!

Pierfrancesco Rizzo

Nel tuo blog ti descrivi: Sono laureata in informatica, ma ho una passione spropositata per blog, social media, marketing e web design. Perché quel ma?

Cinzia Di Martino

Perché di solito chi sente “laureata in informatica” chiede se posso dare un’occhiata al pc, se è meglio formattarlo visto che ad ogni tentativo di ingresso Facebook risponde con il messaggio “password errata”, se sviluppo App per i miei figli, se posso sistemare il wifi che lo smartphone in cucina non si collega o.O
Ecco perché preferisco specificare che le mie passioni sono altre ^_^

Pierfrancesco Rizzo

Qual è la cosa più importante o rilevante che ti ha dato la tua professione? E non parlo solo dei bonifici… ^_^

Cinzia Di Martino

La parte migliore della mia professione è il contatto con le persone: io adoro stare in mezzo alla gente. Mi piace parlare (e riesco a farlo in modalità disco rotto!) ma anche osservare: mi piace notare i dettagli degli ambienti di lavoro, mi dicono tanto delle persone e delle storie non dette che si portano dentro. E spesso mi aiutano a capire, almeno in parte, l’indole di chi ho davanti e di come pormi per trarre vantaggio dal dialogo.

Pierfrancesco Rizzo

Quando e quanto è cambiato il mondo social da quando hai fondato il tuo blog? (a parte che ora usi il monitor a colori)

Cinzia Di Martino

Ma dai: il monitor era a colori anche quando ho aperto il blog! ^_^
Direi che è cambiato tanto e non lo ha fatto in un momento ben preciso, ma a poco a poco.
Dall’uso delle parole, al tono di voce, alla qualità dei contenuti, agli accessori grafici: un’evoluzione lenta ma inesorabile che ci ha portati alla realtà che oggi conosciamo benissimo e che domani sarà già diversa!

 

Il Visual Content Marketing e i Social Visual

Pierfrancesco Rizzo

Oltre a Pinterest, di cui sei da tutti riconosciuta come la regina indiscussa, quale altro social network, che non sia Instagram, (lo so che avresti risposto questo) riesce ad attrarre la tua attenzione e perché?

Cinzia Di Martino

Beh come Pinterest c’è solo Pinterest.
Instagram lo adoro, ma non lo uso perché, nonostante lo studio della teoria e lo sforzo immane di mio padre (ex-fotografo) di spiegarmi inquadrature, esposizioni & co., non sono mai soddisfatta degli scatti che faccio.
Mi attrae Google Plus per i contenuti interessanti (tra i colleghi italiani e d’oltreoceano). Mi attrae Facebook perché ci trovo dentro reazioni spettacolari che spesso non riesco a comprendere: penso sia utile ai fini di uno studio della psicologia delle persone e delle loro personalità. Mi attrae Twitter perché io e la sintesi viaggiamo su binari paralleli: voglio capire come sintetizzare in modo efficace in 140 caratteri! E.. ho dimenticato qualcuno?! ^_^

Pierfrancesco Rizzo

E Linkedin?

Cinzia Di Martino

Beh LinkedIn non mi attrae. Io sono come i bambini se i libri non hanno le figure, non sono libri. ^_^

Pierfrancesco Rizzo

Leggevo qualche settimana fa (sono un tuo fan, sallo!) un tuo articolo sul fuffismo. Pensi che il 2015, possa mettere fine a questa “piaga”? E che cosa prevedi o ti aspetti per il futuro dei social media?

Cinzia Di Martino

Come dicevo in quell’articolo cui fai riferimento, il fuffismo in realtà è un’invenzione meravigliosa, che però in Italia è stata subito rivisitata in chiave locale, dando vita a gelosie e denigrazioni.

In USA gli esperti “fuffologi” di cucina e ristoranti si sono reinventati con i format televisivi in cui offrono aiuto a loro “colleghi” più sfortunati (per diversi motivi). Questo approccio ci ha mostrato un nuovo professionista: un duro dal cuore tenero. Ed è scattato l’amore allovertheworld per Gordon.
In Italia, hanno messo in campo lo chef Cannavacciuolo. Sono entrambi chef. Seguono lo stesso format. Eppure l’amore per Cannavacciuolo non è esploso, anzi: è partita l’onda del “tze, chi si crede di essere?!”.

Allo stesso modo in campo social media, gli esperti americani saranno sempre considerati una spanna sopra, ma non per la conoscenza o per l’approccio. Semplicemente perché sono lontani da noi e non mettono in pericolo il nostro Ego. Io mi auguro che l’empatia si impossessi di tutti i professionisti del mondo, in modo da risollevare le percentuali di autostima e facendo calare ai minimi storici l’acidità e la frustrazione di alcune persone.

Per quanto riguarda il futuro dei social media, mi aspetto che finalmente se ne comprenda il corretto utilizzo e che si abbandoni la pratica del vendere per forza, sempre e comunque.

Parliamoci chiaro, scegliamo un prodotto per una lunga serie di variabili: non prendiamoci in giro! Non è per il claim o per lo short video o per le citazioni d’ispirazione su Facebook che scegliamo un brand: è per la qualità del prodotto e del servizio che offre, per la gentilezza e la professionalità dei modi, per il valore aggiunto che ci offre, per la capacità di relazionarsi e mi fermo, ma potrei andare avanti ad oltranza.

 

Quanto conta il Visual per il Food Marketing?

Pierfrancesco Rizzo

Uno dei tuoi ultimi articoli parla di Expo 2015, della possibilità di proporsi a questa grande platea. Pensi che ci siano i presupposti per le nostre aziende agroalimentari (e quando dico nostre parlo di quelle del nostro Sud) che comprendano che è arrivato il momento del salto di qualità delle loro strategie? Di comprendere che Internet, i social network diano vantaggi con costi sostenibili anche dai piccoli imprenditori e di affacciarsi al Food Marketing?

Cinzia Di Martino

Più che altro diciamo che me lo auguro.

E mi auguro anche che si comprenda che la presenza sui social è parte integrante e integrata di una comunicazione a 360° che non ha a che fare con la vendita, ma con il rapporto umano, la conversazione, la conoscenza, l’assistenza: un nuovo modo di fare marketing, non pubblicità!

Pierfrancesco Rizzo

Ultima ma non meno importante, anzi, e poi ci facciamo un caffè (a distanza). Ti è piaciuta questa intervista?

Cinzia Di Martino

Direi proprio di si ^_^

Mi hai fatto dire cose che non avrei mai pensato di dire in un articolo!

Se volete essere coinvolti dalla passione che Cinzia mette in ogni suo articolo, in ogni suo post, in ogni suo pin seguitela qui:

Facebook
Twitter
Pinterest
Google+
Linkedin

TAGS >